UNA GIORNATA ALLA SCUOLA DELL’INFANZIA

Al mattino, dalle 7.30 i bambini vengono accolti in salone, verso le 9.00, quando arriva il pulmino ci sediamo per una piccola merenda e per ringraziare il Buon Signore affinché ci guidi durante l’intera giornata. A questo punto siamo pronti per proseguire!
Dopo essere andati in bagno andiamo in classe, ci salutiamo tutti e vediamo chi è presente a scuola e chi è rimasto a casa. Questo momento di routine ci dà il benvenuto e ci aiuta ad imparare ad esprimerci e a conoscerci meglio. E’ anche il momento in cui possiamo parlare insieme, raccontare di noi ed imparare ad ascoltarci; inoltre le insegnanti ci spiegano cosa si farà durante la mattinata e così scopriamo quali sorprese ci riserva ogni nuova giornata alla scuola dell’infanzia.
Le attività didattiche costituiscono il fulcro delle proposte strutturate. Si propongono come stimolo alla creatività, alla conoscenza, allo sviluppo di abilità e competenze in relazione al bambino in quanto persona e sopratutto come parte del gruppo.
Attraverso la lettura di storie e racconti si offre al bambino la possibilità di aumentare i suoi tempi d’attenzione, si crea l’abitudine all’ascolto, si sollecita la sua capacità di immaginare.
Insieme a tutto ciò si arricchisce mano a mano il suo lessico e la sua capacità espressiva verbale.
Anche il canto è un momento piacevole di espressione e condivisione. I bambini percepiscono il ritmo e la scansione del tempo ed imparano a modulare la voce, memorizzano parole in un contesto giocoso e divertente.
Durante la mattinata un’altra attività educativa importante è quella del gioco. Si scoprono gli angoli preparati delle insegnanti: ci sono le costruzioni, gli animali di plastica, i giochi da tavolo, le bambole, la casetta con la cucinina, i libri da sfogliare, il mini-atelier in cui disegnare, colorare, incollare, ritagliare e molto altro ancora. Si scelgono un angolo e quali giochi fare e con chi; si impara a stare insieme agli altri, a litigare e a risolvere i conflitti trovando un modo corretto di gestirli. Impariamo anche a rispettare i giocattoli, le regole del gruppo e a riordinare.
Alle 11.45 tutti i bimbi vanno a mangiare in sala da pranzo: questo è un luogo fondamentale per fare nuove esperienze. Qualche volta ci sono cibi sconosciuti che piacciono, altre volte che non piacciono o che alla vista non ispirano, ma piano piano, con l’assaggio, i bambini possono capire se in realtà la pietanza incontra il loro gusto. Non è come mangiare a casa, ci sono tempi più lunghi di attesa, si condividono gli spazi con altri bambini, ci si conosce e ci si confronta.
Dopo una mattinata intensa, verso le 12.30, se il tempo lo permette, si va tutti a correre e a giocare in giardino, altrimenti, dopo un po’ di gioco libero negli ambienti interni, verso le 13 i più piccoli vanno a riposare nelle brandine, dove trovano il proprio cuscino e copertina. Qualcuno stringe il suo peluche, qualcun’altro porta con sé il ciuccio o un oggetto caro. Prima di addormentarsi le insegnanti rimboccano le coperte, raccontano una breve storia, ci si augura il buon riposo e tutti chiudono gli occhietti. I bambini medi e grandi dalle 13.30 proseguono con le attività del pomeriggio.
Alle 15.00 tutti insieme in salone si fa la merenda e si aspettano la mamma o il papà o si prende il pulmino per andare a casa.
Prima della merenda mattutina, prima del pranzo, prima di andare a dormire si va in bagno a lavarsi le mani e /o a fare la pipì …e’ davvero un bel momento perché si impara a diventare autonomi nei bisogni fisiologici, nell'igiene personale, nel mettere la canottiera nei pantaloni … per noi adulti è scontato, ma non è poi tanto facile, serve molto allenamento!